Il Gazzettino Abruzzese presente alla prima edizione dell'”Abruzzo Rapid Futbol”

Gazzettino Abruzzese CRECCHIO.jpgIl Rapid Futbol, conosciuto meglio come “calcio in gabbia”, è sbarcato in Abruzzo: infatti dal 2 al 7 Luglio, presso lo stabilimento “Orsa Maggiore”, 14 squadre sono scese in campo per contendersi il titolo di Campione d’Abruzzo Rapid Futbol. L’iniziativa si è concretizzata grazie alla collaborazione tra l’associazione culturale sportiva Albion Sport Events  e la Idf Sport Management & Consulting. Presenti anche due selezione rappresentate sponsor crecchiesi: quella del  “Gazzettino Abruzzese” e quella della GLDT CONSULTING di Gianluca Di Totto. Quest’ultima, composta da una selezione di ragazzi aquilani sfollati a Pineto, è riuscita a classificarsi come terza. Il torneo, di ottima caratura vista la presenza dei migliori giocatori del panorama dilettantistico e non, si è concluso con le finali posticipate ,causa pioggia, dal 5 al 7 Luglio. Nella finale valevole il terzo posto, come già anticipato, la crecchiese GLDT di capitan Valente ha avuto la meglio sugli atriani de “Al Vecchio Frantoio” capitanati da Italo Lupoletti, mentre la finalissima tra giganti tra l’ortonese Soil Impianti, capitanata dal terzino ortonese del Giulianova Alex Lieti e la Impiatek di Eddy Farias e Naccarella, è stata vinta dagli ortonesi che così hanno conquistato il titolo di Campioni d’Abruzzo Rapid Futbol. Dopo la finalissima, è andato in scena un simpatico dopo serata con premiazione delle squadre vincitrici, allietato dalla direzione televisiva di Gianni Savini (Tv 6 / Sky 910 ) con musica ed aperitivi per tutti i partecipanti. Una iniziativa importante che ha inaugurato l’era del Rapid Futbol e nel futuro si spera possa avere seguito, visto il successo di questa prima edizione. Non si esclude che tutto ciò possa concretizzarsi anche a Crecchio e dintorni.

 

Giacomo Carulli

Il Gazzettino Abruzzese presente alla prima edizione dell'”Abruzzo Rapid Futbol”ultima modifica: 2009-08-01T16:05:00+00:00da giacomocarulli
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento